Palazzo Mongini

Palazzo Mongini
Palazzo Mongini

Dopo la distruzione dell'edificio, risulta preziosa la descrizione dello stesso contenuta in un articolo di Mainoli sulla "Voce della Lomellina", da cui si desume che il palazzo apparteneva in origine ai nobili Porro.

Doveva trattarsi di un imponente corpo di fabbrica con loggiato. Mainoli parla di camini, di stemmi affrescati. Parte dell'arredo certamente importante è ora di proprietà del Comune. Nella foto (anni '30) si nota l'incorniciatura delle finestre simili a Palazzo Pollone e il profilo smussato del bel portone d'ingresso.